Autore Topic: Il tesoro dei vinti  (Letto 1465 volte)

reacher

  • Sergente
  • ***
  • Post: 605
    • Mostra profilo
Il tesoro dei vinti
« il: Ottobre 21, 2015, 07:59:27 pm »
Dongo, 27 aprile 1945, è una mattina livida e piovosa, quando Mussolini e i gerarchi in fuga vengono fermati dai partigiani della 52' brigata Garibaldi, sulla litoranea del lago di Como. Nella lunga autocolonna che accompagna il Duce e gli epigoni del fascismo di Salò viene trovata un'ingente quantità di beni preziosi, banconote di ogni taglio, oro, gioielli, titoli di Stato, valuta straniera, in gran parte provenienti dai fondi segreti dei ministeri della Repubblica sociale. Un ricco bottino che da quel giorno tutti conosceranno come il "tesoro di Dongo". Chi si è impossessato di quell'oro, destinato alle autorità del nuovo Stato italiano? Chi lo ha trasferito alla federazione comunista di Como? Chi se n'è impadronito in seguito? E chi ha fatto scomparire il "capitano Neri" e la partigiana "Gianna", combattenti garibaldini che ne avevano compilato l'inventario? Nella primavera del 1957 ha finalmente inizio, presso la Corte d'assise di Padova, il processo che dovrebbe fare luce su questi interrogativi. Un procedimento che suscita tante attese, ma che viene rinviato dopo quarantatré udienze per il suicidio di un giudice popolare e che non verrà mai più ripreso, perché "scomodo". Dalle carte disponibili emergono infatti con chiarezza le responsabilità politiche degli eventi che si sono consumati in quei lontani giorni del 1945.

Ottimo libro.
Dedicato a tutti coloro che hanno dubbi e perplessità nelle vicende del prima e dopo di Dongo. Questo libro farà chiarezza su tutti i quesiti.
Voto 9
Al mio segnale scatenate l'inferno!

IMBO

  • Ufficiale
  • ****
  • Post: 7381
  • ''Per aspera ad astra''
    • Mostra profilo
Re:Il tesoro dei vinti
« Risposta #1 il: Ottobre 23, 2015, 07:04:44 pm »
Argomento interessante. Molto.